Qualche tempo fa sono stata contattata da un uomo di circa 50 anni, di nome Federico.

La sua situazione sentimentale era abbastanza particolare: divorziato dalla prima moglie, con la quale aveva avuto due figli; al momento conviveva con una ragazza più giovane, con la quale non aveva rapporti da circa due anni e quando mi ha contattato era perché si era innamorato di una donna separata, con due figli, ma non sapeva come affrontare la rottura della sua convivenza.

Con la donna separata la relazione funzionava molto bene. Si amavano ma lei, anche se era consapevole di essere amata, desiderava che lui chiarisse definitivamente la situazione con la ragazza con la quale continuava a convivere, per iniziare una vera storia e magari andare loro a convivere.
E’ proprio in questo momento che Federico si rivolge a me, perché degli amici gli consigliarono che non aveva bisogno di un solo parere legale, ma anche e soprattutto di un sostegno per iniziare un percorso di consapevolezza per migliorare la propria situazione.
La prima volta ci incontriamo in un bar (al telefono avevo capito che a lui non avrebbe fatto piacere andare in un studio tradizionale di avvocati) e lì durante una pausa pranzo, iniziamo la prima vera seduta di Coaching, anche se per Umberto doveva sembrare una “chiaccherata”. Facciamo in tutto 9 incontri, un pò in studio e un pò all’aperto, due volte anche camminando.

Alla fine di questo ciclo di sessioni, il mio Cliente sa dove si trova, sa cosa vuole e soprattutto sa cosa gli impedisce di realizzare ciò che vuole.

La sua attenzione è però molto focalizzata sugli impedimenti che nello specifico erano la mancanza di reale volontà, i problemi economici, la paura di affrontare l’incerto e di uscire dalla sua zona di “comfort”. Una volta che abbiamo fatto la fotografia esatta e Federico acquisisce la consapevolezza assoluta della sua situazione inizia il percorso relativo al sostegno che è durato circa tre mesi. Si è trattato di un periodo faticosissimo, è stato necessario fornirgli indicazioni concrete di come muoversi per realizzare quello che realmente voleva realizzare nella sua vita. Lui infatti all’inizio era molto reticente, in fondo lui aveva “tutto”: il rapporto con la donna che amava, in qualche modo riusciva ad andare avanti ma soprattutto non doveva abbandonare del tutto la vecchia strada.
Dopo un periodo iniziale in cui procrastinava, abbiamo lavorato sulle interferenze e sulle paure, riuscendo a fare un ottimo lavoro. Federico infatti è riuscito a realizzare esattamente ciò che voleva. Ora convive con la donna che ama da un anno e mezzo e i suoi due figli, il suo lavoro è aumentato e la ragazza che ha deciso di lasciare definitivamente sta bene e si è rifatta una nuova vita.
Questo caso ci fa capire che quando si è consapevoli di ciò che si vuole, nonostante ci possano apparire le difficoltà come insormontabili, dobbiamo avere coraggio e, con il giusto supporto, crearci il nostro futuro!

No votes yet.
Please wait...