La nozione di famiglia non è limitata alle sole relazioni basate sul matrimonio (art. 29 Cost.) ma si estende anche alle unioni di fatto che, allorchè assumono carattere di durata, stabilità, esclusività e contribuzione reciproca, sono formazioni sociali (art. 2 Cost.) alle quali è riconosciuta la stessa dignità e la stessa rilevanza giuridica della famiglia coniugale.

Ferma restando la diversità dei rapporti personali e patrimoniali nascenti dalla convivenza di fatto rispetto a quelli originati dal matrimonio, la giurisprudenza ha preso atto del fatto che la legislazione si è andata progressivamente evolvendo verso un sempre più ampio riconoscimento della rilevanza della famiglia di fatto.

Alla luce di queste premesse, non è quindi dovuto l’assegno divorzile al coniuge il quale abbia instaurato una convivenza more uxorio avente i caratteri della stabilità e della serietà.

No votes yet.
Please wait...