D. Sono separato da ormai 7 anni ma non riesco ad avere un rapporto sereno e collaborativo con la mia ex moglie che trova ogni pretesto per innescare liti di tutti i generi e ripicche. Anche se io rispetto scrupolosamente gli accordi di separazione, ogni occasione è buona per creare un caso e questo si riversa sopratutto sui nostri due figli di di 12 e 18 anni. Secondo me a lei farebbe bene una terapia o un coaching ma no so come proporgliele. C’è un modo?

R. Sono molto frequenti queste situazioni in cui, dopo la separazione, solo uno dei due ex coniugi/partner cresce e volta pagina mentre l’altro solo apparentemente si “ sente sereno” perché in realtà non ha ancora accettato la separazione e trova ogni pretesto per sfogarsi con l’ex.

Sicuramente la persona che ha già metabolizzato il trauma della separazione può con i suoi comportamenti condizionare l’altra parte (ad esempio si può cercare di migliorare il dialogo ponendo l’accento sull’importanza che ha avuto la vostra storia e sul fatto che anche lei ha fatto fatica a voltare pagine ma grazie ad un percorso di crescita personale è riuscito ad elaborare il trauma della separazione; sulla vostra importanza in qualità di genitori) in modo che la sua ex veda le cose da una prospettiva diversa  e molto probabilmente realizzi la necessità di fare una personale crescita emotiva.

No votes yet.
Please wait...